Skip to content
Insights

Accise sul carburante e imbarcazioni da diporto ad uso commerciale

Con la recente sentenza n. 31987 del 17 novembre 2023, la sezione tributaria della Corte di Cassazione ha affermato che, nel caso di rifornimento ad imbarcazione da diporto che sia concretamente impiegata a scopo commerciale, l’esenzione dall’accisa sul carburante è subordinata alla sola condizion di una situazione, oggettivamente accertabile ed accertata, di nave in partenza nel momento in cui viene richiesta l’esenzione, senza necessità degli ulteriori requisiti della diretta destinazione verso un porto estero e della partenza entro otto ore dal rifornimento.

Nella fattispecie era accaduto che la Dogana di Trieste aveva contestato la dichiarazione di esportazione presentata dal fornitore di bunker, ritenendo che, trattandosi di imbarcazione da diporto, fosse applicabile la disciplina di cui all’art. 254 T.U.L.D. La Commissione Tributaria Provinciale di Trieste aveva respinto il ricorso del fornitore, ma la Commissione Regionale aveva riformato la decisione di primo grado, ritenendo accertato, sulla base della documentazione prodotta, l’impiego commerciale dello yacht. La Dogana impugnò la sentenza di appello e la questione giunse così di fronte alla Corte di Cassazione.

Nel prevenire alla conclusione sopra riferita circa l’applicabilità dell’esenzione dall’accisa, la Corte di Cassazione ha ricordato la giurisprudenza della Corte di Giustizia europea, secondo la quale l’impiego commerciale di un’imbarcazione da diporto non può essere desunta semplicemente all’esistenza di un contratto di locazione o di noleggio, ma deve essere accertata in concreto.

Filippo Bruno
filippo.bruno@mordiglia.it

SANCTIONS DESK

Through this Sanctions Desk and thanks to our extensive expertise in shipping, we aim to assist our Clients in complying with the new regulations by providing regular updates and legal analysis on sanctions impacting the shipping industry. Our team is also available to advise maritime operators on the drafting of relevant clauses and to represent them in any disputes regarding sanctions.

Find out more here