Pilotaggio nelle Bocche di Bonifacio: verso una nuova fase di sperimentazione?

In una recente audizione informale presso la Camera dei Deputati (Commissione Ambiente e Trasporti), la Federazione Italiana Piloti di Porto (Federpiloti) è stata invitata ad affrontare il tema della tutela ambientale e della regolamentazione del transito marittimo nelle Bocche di Bonifacio, illustrando il sistema di pilotaggio attualmente in vigore e nuove prospettive di miglioramento dello stesso.

Allegati

Note interpretative sul Pacchetto Mobilità

Con Circolare n. 300/A/2356/21/111/2/2 dello scorso 16 marzo, il Ministero dell’Interno ha illustrato e approfondito le principali novità introdotte dal c.d. Pacchetto Mobilità (Reg. 2020/1054, Reg. 2020/1055, Reg. 2020/1056 e Direttiva 2020/1057). Le principali modifiche riguardano l’accesso alla professione di autotrasportatore, il cabotaggio stradale e i tempi di guida per gli autisti.

Etichettatura degli imballaggi

Con il decreto legislativo n. 116/2020, in vigore dal 26 settembre 2020, vengono apportate delle modifiche al comma 5 dell’articolo 129 del decreto legislativo n. 152/2006 (“Codice dell’Ambiente”) in tema di etichettatura degli imballaggi. In particolare, vengono introdotti specifici obblighi informativi a capo dei produttori i quali devono etichettare tutti gli imballaggi conformemente alle modalità stabilite dalle norme tecniche UNI.

Allegati

BREXIT ED IMPORTAZIONE  DOGANALE

A partire dal 1° gennaio 2021, il Regno Unito non farà più parte dell’Unione Doganale. La fine del periodo di transizione implicherà un’introduzione dei controlli di merci alle frontiere in più fasi, l’imposizione di particolari obblighi doganali per gli operatori commerciali che importano beni controllati ed infine l’adesione del Regno Unito alla Convenzione sul Transito Comune (CTC) non più in qualità di Stato membro dell’UE, ma quale parte contraente a sé stante.

Allegati

La Commissione Europea autorizza le misure del Registro Italiano Internazionale fino al 2023

Lo scorso 11 giugno 2020, la Commissione Europea ha prorogato le misure del Registro Internazionale Italiano fino al 2023 a condizione che l’Italia attui alcune modifiche alle disposizioni del regolamento del Registro Italiano. In particolare, l’Italia si è impegnata a garantire una riduzione dell’imposta sul reddito delle compagnie marittime a determinate entrate, come quelle derivanti dalle attività di trasporto e da altre entrate accessorie. Infine, le navi delle compagnie di navigazione che vogliono beneficiare del regime del registro internazionale devono battere la bandiera di uno Stato dell’Unione europea o comunque di uno Stato dello Spazio economico europeo.

Allegati

Attuazione della Direttiva (UE) sui pacchetti turistici e i servizi turistici collegati

E’ stato pubblicato il Decreto Legislativo 21.5.2018 n. 62, che attua la Direttiva UE 2015/2302 relativa ai pacchetti turistici e ai servizi turistici collegati, che modifica il  regolamento CE n. 2006/2004 e la direttiva 2011/83/UE ed abroga la Direttiva pacchetti turistici 90/314/CEE. Il Decreto modifica le disposizioni del Codice del Turismo in linea con la normativa europea e prevede le sanzioni da applicare a organizzatore e venditore di pacchetti turistici  o servizi turistici collegati per le inosservanze delle norme. Il Decreto entrerà in vigore in data 1.7.2018.

Riforma del sistema portuale – Un nuovo passo in avanti

Il 24 febbraio 2018 è entrato in vigore il Decreto Legislativo 13 dicembre 2017 n. 232 (cosiddetto “Correttivo porti”), recante le “disposizioni integrative e correttive al Decreto Legislativo 4 agosto 2016 n. 169” per la riforma del sistema portuale italiano. Il nuovo Decreto Legislativo incide su diversi aspetti della materia portuale, completando l’opera di riforma della L. 28 gennaio 1994 n. 84 già avviata con il Decreto Legislativo 169/2016. Le novità più significative introdotte dai due interventi legislativi attengono alla semplificazione burocratica dei procedimenti amministrativi e alla razionalizzazione del sistema delle Autorità Portuali.

Nuovo Codice della Nautica da Diporto

Il 13.2.2018 è entrato in vigore il Decreto Legislativo 3.11.2017 n. 229 di revisione ed integrazione del Decreto Legislativo 18.7.2005 n. 171 recante il Codice della Nautica da Diporto. La normativa, tesa al coordinamento ed armonizzazione della disciplina del diporto ed alla semplificazione del regime amministrativo e degli adempimenti relativi alla navigazione da diporto, anche ai fini commerciali, contiene disposizioni volte a rafforzare la protezione dell’ambiente marino, la sicurezza della navigazione, la salvaguardia della vita umana in mare ed introduce nuove figure professionali per le unità da diporto, tra cui quella di mediatore del diporto.